Come ho avuto più volte modo di osservare, il momento di crisi, e quindi, per definizione, anche semantica in altre lingue, come il giapponese moderno, di opportunità, arriva. Inesorabilmente. Jung diceva attorno ai quarant’anni, ossia circa a metà del nostro percorso, anche se oggi forse si potrebbe spostare più in là questo termine temporale. Secondo me, l’astrologia lo porrebbe attorno ai 42 anni, quando, ognuno di noi, esperisce un transito tra i più importanti della vita: l’opposizione di Urano di nascita con Urano in transito. Mi spiego meglio, senza tuttavia entrare in dettagli e tecnicismi: in base al movimento astronom

ico dei pianeti, per il passo di Urano, che è di 84 anni, questo aspetto arriva nella vita di tutti, attorno,appunto ai 42 anni. il suo messaggio è rivoluzionario, di grande fonte energetica messa a disposizione, che induce a un ripensamento dell’usuale e del conosciuto, del quotidiano. Un’energia che deve esplodere e non implodere all’interno, o essere rimossa o trascurata, secondo una dimensione di opposti che devono ricongiungersi e dare vita a un nuovo inizio secondo un entusiasmo rinnovato. Sta in ciò l’opportunità di vivere una seconda vita, nella seconda parte dell’esistenza, rinnovata nei contenuti o nell’entusiasmo.

zp8497586rq

I Commenti sono chiusi